Configurazione delle Interfacce di Rete delle VM Xen

14 aprile 2018 0 Di admin

DESCRIZIONE

xl-network-configuration – Sintassi della configurazione di rete XL

SINTASSI

Questo documento specifica l’opzione di configurazione del file in formato xl config. Ha la seguente forma:

        vif = [ '<vifspec>', '<vifspec>', ... ]

dove ogni vifspec è in questa forma:

        [<key>=<value>|<flag>,]

Per esempio:

        'mac=00:16:3E:74:3d:76,model=rtl8139,bridge=xenbr0'
        'mac=00:16:3E:74:34:32'
        '' # The empty string

Questi potrebbero essere specificati nel file di configurazione del dominio in questo modo:

        vif = [ 'mac=00:16:3E:74:34:32', 'mac=00:16:3e:5f:48:e4,bridge=xenbr1' ]

Più formalmente, la stringa è una serie di coppie di parole chiave / valori separate da virgola. Tutte le parole chiave sono opzionali.

Ogni dispositivo ha un DEVIDche è il suo indice all’interno della lista vif, a partire da 0.

parole

Mac

Se specificato, questa opzione specifica l’indirizzo MAC all’interno del guest di questo dispositivo VIF. Il valore è un numero di 48 bit rappresentato da sei gruppi di due cifre esadecimali, separati da due punti (:).

L’impostazione predefinita se non viene specificata questa parola chiave deve essere generata automaticamente un indirizzo MAC all’interno dello spazio assegnato all’identificatore univoco dell’organizzazione Xen (00: 16: 3e).

Se si sceglie un indirizzo MAC, si consiglia vivamente di seguire una delle seguenti strategie:

  • Generare una sequenza casuale di 6 byte, impostare il bit amministrato localmente (bit 2 del primo byte) e cancellare il bit multicast (bit 1 del primo byte). In altre parole, il primo byte dovrebbe avere il modello di bit xxxxxx10 (dove x è un bit generato casualmente) e i restanti 5 byte sono generati casualmente Vedi [http://en.wikipedia.org/wiki/MAC_address] per maggiori dettagli sulla struttura di un indirizzo MAC.
  • Assegnare un indirizzo dallo spazio definito dall’ODI dell’organizzazione (se ne hai uno) seguendo le procedure dell’organizzazione per farlo.
  • Assegna un indirizzo dallo spazio definito da Xen’s OUI (00: 16: 3e). Fare attenzione a non scontrarsi con altri utenti del segmento di rete fisico in cui risiede questo VIF.

Se hai un OUI per uso personale, questa è la strategia preferita. Altrimenti, in generale, si dovrebbe preferire generare un MAC casuale e impostare il bit amministrato localmente poiché ciò consente più bit di casualità rispetto all’uso di Xen OUI.

ponte

Specifica il nome del bridge di rete a cui questo VIF deve essere aggiunto. L’impostazione predefinita è xenbr0. Il bridge deve essere configurato utilizzando gli strumenti di configurazione di rete della tua distribuzione. Vedi il wiki per guida ed esempi.

GATEWAYDEV

Specifica il nome dell’interfaccia di rete che ha un IP e che è nella rete con cui VIF deve comunicare. Questo è usato nell’host dallo script hotplug di vif-route. Vedi wiki per guida ed esempi.

NOTA: netdev è un alias deprecato di questa opzione.

genere

Questa parola chiave è valida solo per gli ospiti di HVM.

Specifica il tipo di dispositivo con valori validi:

  • ioemu (impostazione predefinita): questo dispositivo verrà fornito come dispositivo di emulazione all’ospite e anche come dispositivo paravirtualizzato che l’ospite può scegliere di utilizzare, se dispone di driver adatti.
  • vif – questo dispositivo verrà fornito solo come dispositivo paravirtualizzato.

modello

Questa parola chiave è valida solo per i dispositivi guest HVM type=ioemu.

Specifica il tipo di dispositivo da emulare per questo guest. I valori validi sono:

  • rtl8139 (predefinito) – Realtek RTL8139
  • e1000 – Intel E1000
  • in linea di principio qualsiasi dispositivo supportato dal tuo modello di dispositivo

vifname

Specifica il nome del dispositivo di back-end per il dispositivo virtuale.

Se il dominio è un dominio HVM, il dispositivo emulato (tap) associato avrà un suffisso “-emu” aggiunto.

Il nome predefinito per il dispositivo virtuale è vifDOMID.DEVIDdove si DOMIDtrova l’ID del dominio ospite ed DEVIDè il numero del dispositivo. Allo stesso modo, il nome di tocco predefinito è vifDOMID.DEVID-emu.

copione

Specifica lo script hotplug da eseguire per configurare questo dispositivo (ad esempio per aggiungerlo al bridge pertinente). Il valore predefinito è XEN_SCRIPT_DIR/vif-bridgema può essere impostato su qualsiasi script. Alcuni script di esempio sono installati in XEN_SCRIPT_DIR.

ip

Specifica l’indirizzo IP per il dispositivo, l’impostazione predefinita non è quella di specificare un indirizzo IP.

Che cosa, se del caso, l’effetto dipende dallo script hotplug che è configurato. Un comportamento tipico (mostrato dagli script hotplug di esempio), se impostato, potrebbe essere quello di configurare le regole del firewall per consentire solo l’indirizzo IP specificato da utilizzare dal guest (bloccando tutti gli altri).

backend

Specifica il dominio di back-end a cui questo dispositivo deve connettersi. Il valore predefinito è il dominio 0. La specifica di un altro dominio richiede l’impostazione di un dominio del driver che non rientra nell’ambito di questo documento.

Vota

Specifica la velocità con cui il traffico in uscita sarà limitato a. L’impostazione predefinita se questa parola chiave non è specificata è illimitata.

La tariffa può essere specificata come “/ s” o facoltativamente “/ s @”.

  • RATE è in byte e può accettare suffissi:
    • GB, MB, KB, B per byte.
    • Gb, Mb, Kb, b per bit.
  • INTERVALè in microsecondi e può accettare suffissi: ms, us, s. Determina la frequenza con cui viene ripristinato il credito di trasmissione vif. Il valore predefinito è 50ms.

La limitazione della velocità è basata sul credito. Significa che per “1 MB / s @ 20 ms”, il credito disponibile sarà equivalente al traffico che avresti effettuato a “1 MB / s” durante 20 ms. Ciò si tradurrà in un credito di 20.000 byte reintegrati ogni 20.000 noi.

Per esempio:

        'rate=10Mb/s' -- meaning up to 10 megabits every second
        'rate=250KB/s' -- meaning up to 250 kilobytes every second
        'rate=1MB/s@20ms' -- meaning 20,000 bytes in every 20 millisecond period

NOTA: i limiti effettivi alla base della limitazione della velocità dipendono dall’implementazione del netback sottostante.

devid

Specifica manualmente il devid invece di lasciare che xl scelga l’indice più basso disponibile.

NOTA: questo non dovrebbe essere impostato a meno che non si abbia un motivo per farlo.